Skip to main content

CORSO DI ALTA FORMAZIONE
PER AUTORI DI TEATRO E DANZA CONTEMPORANEI

Il corso si rivolge a giovani artisti che hanno già terminato un percorso di formazione come danzatori, attori o performer e intendono indirizzarsi verso l’autorialità teatrale con un approccio strutturalmente transdisciplinare in cui ogni forma espressiva è potenzialmente utilizzabile nella creazione di un’opera. 
Scopo del corso, coordinato da Roberto Castello, è riunire giovani motivati e offrire loro l’occasione di studiare con artisti di livello internazionale affiancando ai laboratori dedicati allo studio del movimento, dell’espressività, del ritmo, della voce e del canto con Jonathan Burrows, Panaibra Canda, Roberto Castello, Edivaldo Ernesto, Alessandra Cristiani, Ginevra Panzetti ed Enrico Ticconi, Enrico Morelli, Ilenia Romano, Erica Bravini, Marco Zanotti e Anselmo Luisi, seminari su Teatro e Arti visive del ‘900, Dinamiche postcoloniali e Elementi di normativa dello spettacolo (con Rodolfo Sacchettini, Alessandro Romanini, Maura Benegiamo, Nora Guazzotti, Danila Blasi e Valentina Marini).
L’intento è quello di formare un gruppo di artisti curiosi, non conformisti, coerenti e rigorosi, consapevoli della propria funzione e responsabilità sociale, padroni delle proprie opinioni e delle proprie scelte.
Il corso si concluderà con la presentazione al pubblico dei lavori più interessanti realizzati da ciascun partecipante. I migliori tra questi saranno invitati all’edizione 2025 del Festival Visavì.

Roberto Castello


con Jonathan Burrows, Panaibra Canda, Roberto Castello, Edivaldo Ernesto, Alessandra Cristiani, Ginevra Panzetti ed Enrico Ticconi, Enrico Morelli, Ilenia Romano, Erica Bravini, Marco Zanotti e Anselmo Luisi


con Rodolfo Sacchettini, Alessandro Romanini, Maura Benegiamo, Nora Guazzotti, Danila Blasi e Valentina Marini 

CURATORE

Roberto Castello

Danzatore, coreografo e insegnante, tra gli iniziatori della danza contemporanea in Italia.
Nei primi anni ‘80 danza a Venezia nel “Teatro e danza La Fenice di Carolyn Carlson”, dove realizza le sue prime coreografie.
Nel 1984, è tra i fondatori di Sosta Palmizi.
Nel 1993 fonda ALDES.
Dal 1996 è curatore di varie manifestazioni e rassegne e, dal 2005 al 2015, è stato docente di coreografia digitale presso l’Accademia di Belle Arti di Brera a Milano.
A partire dal 2008, con ALDES, cura il progetto “SPAM! rete per le arti contemporanee” nella provincia di Lucca, ospitando residenze, una programmazione multidisciplinare di spettacoli, workshop, attività didattiche, incontri.
Nel 2017 crea e cura il blog “93% – materiali per una politica non verbale” una piattaforma di riflessione, confronto, e scambio di materiali sul linguaggio non verbale.
Nel 2021 Altreconomia pubblica “Trattato di economia – Riflessioni semiserie sulla dimensione economica dell’esistenza”, scritto con Andrea Cosentino e partecipa alla pubblicazione del volume “Nel migliore dei mondi possibili. Intorno all’opera di Roberto Castello” curato da Valentina Valentini insieme a Chiara Pirri e Valeria Vannucci, edizioni Ephemeria.
Durante la sua carriera, collabora, tra gli altri, con Peter Greenaway, Eugène Durif, Rai3 / Fabio Fazio e Roberto Saviano, Studio Azzurro.
Si è sempre battuto per il riconoscimento della danza contemporanea e per un sistema dello spettacolo equo, efficiente e sostenibile.
Ha ricevuto il Premio UBU nel 1985, 2003, 2018 e 2022.

“Una cosa cui mi capita spesso di pensare è che, nonostante l’Europa nei secoli sia riuscita ad imporre i suoi valori e la sua idea di arte al mondo, nulla può dare razionalmente la certezza che, per quanto di grande successo, la sua cultura sia sotto ogni punto di vista la migliore possibile. È importante che le nuove generazioni di artisti ne siano consapevoli.”

MAESTROS

Ginevra Panzetti & Enrico Ticconi

Ginevra Panzetti ed Enrico Ticconi vivono tra Berlino e Torino e lavorano insieme come duo artistico dal 2008. La loro ricerca si sviluppa nell’ambito della danza, la performance e l’arte visiva. Approfondendo tematiche legate alla storica unione tra comunicazione, violenza e potere, attingono ad immaginari antichi costruendo figure o immagini ibride tra storia e contemporaneità.
Entrambi si diplomano presso l’Accademia di Belle Arti di Roma e frequentano la Stoa, scuola di movimento ritmico e filosofia diretta da Claudia Castellucci.Nel 2010 si trasferiscono in Germania e approfondiscono percorsi individuali ma reciprocamente complementari: Enrico studia a Berlino Danza e Coreografia presso la Inter-University Center for Dance (HZT), Ginevra arte Intermediale presso l’Accademia di Belle Arti di Lipsia, Hochschule für Grafik und Buchkunst (HGB).
Con il loro lavoro coreografico HARLEKING (2018) ottengono diversi riconoscimenti internazionali, oltre ai più importanti festival internazionali, è stato presentato alla piattaforma europea AEROWAVES Twenty 19, alla New Italian Dance (NID) Platform e alla Tanzplatform Deutschland 2020.
Nel 2019 vincono con la performance site-specific JARDIN / ARSENALE il premio Arte Laguna 13 nella sezione performance e video arte, la prima edizione del Premio Hermès Danza Triennale Milano con il quale realizzano il loro ultimo lavoro AeReA, il Premio Danza&Danza come coreografi emergenti e vengono nominati “Talento dell’anno” dalla rivista tedesca Tanz – Zeitschrift für Ballet Tanz und Performance.
La loro ultima ricerca artistica indaga il potere simbolico dell’oggetto bandiera e ha preso forma attraverso la realizzazione di un dittico composto da due lavori coreografici (AeReA / 2019 e ARA! ARA! / 2021) e si è concluso con un lavoro filmico (Silver Veiled / 2021).Con AeReA hanno vinto la prima edizione del Premio Hermès Danza Triennale Milano, mentre ARA! ARA! è stato sostenuto dalla Fondation d’entreprise Hermès nell’ambito di New Settings Program. Il lavoro filmico Silver Veiled è stato commissionato dal Dublin Dance Festival e presentato al Torino Film Festival.
Nel 2021 ricevono una commissione dalla compagnia berlinese Dance On Ensemble per realizzare la loro ultima creazione per più performer MARMO, una risposta coreografica al lavoro di Lucinda Childs. INSEL, il loro ultimo lavoro coreografico per 4 interpreti, ha debuttato nel 2023 al Tanz Im August Festival di Berlino.

MAESTRO

Valentina Marini

Valentina Marini lavora dal 1997 come operatrice culturale sviluppando negli ultimi dieci anni una particolare attenzione alla curatela e programmazione. Dal 1996 al 2001 lavora al Festival del Garda come assistente alla produzione prima e come Direttore di Produzione negli ultimi due anni. Dal 1998 al 2000 ha ideato e diretto il Festival “Danza d’Estate” a Verona presso il Giardino Giusti. Dal 1995 condivide con Mauro Astolfi il progetto produttivo Spellbound, compagnia di produzione riconosciuta dal 2000 dal Ministero della Cultura e trasformatasi dal 2022 in Centro di Produzione Nazionale della Danza all’interno del quale cura le attività di programmazione negli spazi del Teatro Palladium, Teatro Biblioteca Quarticciolo e Spazio Rossellini di Roma. Nel 2002 fonda il progetto di rete European dance, struttura di servizi e consulenza per lo spettacolo dal vivo. Dal 2003 al 2014 scrive di scena internazionale e temi di politica culturale sulla rivista Danzasi. Dal 2006 al 2014 collabora con Laratti srl con cui prende parte alla realizzazione di Tersicore Festival presso Auditorium Conciliazione, Avvertenze Generali 2009-2011, Natale di Roma edizione 2009 e Reate Festival edizione 2009 e 2010 di cui è coordinatrice della sezione danza. Assieme a Monica Ratti è coordinatrice per conto del MIUR in partnership con la Fondazione Flavio Vespasiano di Rieti del progetto “Danza e/è cultura -un ponte tra Italia e Israele” in collaborazione con Batsheva dance Company nel 2011. Nel 2007 crea “Contemporaneamente a Roma” – Piattaforma per nuovi coreografi. Nel 2009 è direttore artistico della sezione danza delle attività estive del Parco Nazionale del Circeo da Litorale spa in collaborazione con la Regione Lazio, Comune di Sabaudia e ATCL. Crea il progetto “Food for Thoughts” appuntamento di performance di improvvisazione di musica e danza presso il Lanificio a Roma. Esperta di scena israeliana ha organizzando in Italia eventi e progetti speciali con artisti come Adi Salant, Adi Boutrous, Hillel Kogan, Ella Rotchield, Roy Assaf, Gil Kerer, Vertigo Dance Company, Idan Sharabi, Dor Mamalia, Michael Getman, Roni Chadash, Lotem Regev. Dal 2011 è agente per l’Italia di Shirley Esseboom e dal 2016 di Emanuel Gat Dance , è inoltre consulente artistico per la danza e responsabile rapporti esteri dal 2011 al 2015 per Milano Danza Expo, consulente artistico per il settore danza presso il Teatro Carcano di Milano per la stagione 2015/16. Curatrice della stagione danza per il Teatro Biblioteca Quarticciolo di Roma dal 2016 ne assume al co-direzione a partire dal 2020 assieme a Giorgio Andriani e Antonino Pirillo . Nel 2017 è curatrice del progetto In Movimento al Teatro Eliseo di Roma ed è inoltre dal 2018 Direttrice Artistica e Generale del Festival Internazionale Fuori Programma a Roma. Attenta ai processi di crescita e professionalizzazione delle nuove generazioni di coreografi è spesso impegnata in commissioni di settore per l’assegnazione di premi a concorsi coreografici come Copenhagen International Choreographic Competition, Premio Prospettiva Danza, Valencia 10 Sentidos e altri. Come docente è invitata stabilmente a tenere laboratori di management culturale presso il Master in Economia e organizzazione dello spettacolo dal vivo/Università Sapienza di Roma. Dal 2011 al 2012 è coordinatore del tavolo danza presso l’Unione Regionale Agis Lazio e dal 2006 è anche vicepresidente di AIDAP nell’ambito di Federvivo AGIS, di cui assume la presidenza nel 2019. Dal 2022 è chiamata a prendere parte al Tavolo Permanente della Danza presso il Ministero della Cultura.

MAESTRO

Anselmo Luisi

Anselmo Luisi è un batterista, performer e body percussionist.
Nel 2009 si è diplomato in percussioni classiche al Conservatorio di Trieste. Nel 2013 si è diplomato in batteria jazz alle Scuole Civiche di Milano, nello stesso anno ha conseguito la laurea in Economia per Arte, Cultura e Comunicazione all’Università Bocconi.
E’ attivo come batterista e percussionista in diversi progetti con i quali ha suonato in Italia, Slovenia, Croazia, Australia, Austria, Germania, Bosnia e Erzegovina, Serbia, Kosovo, Svizzera, Francia, Spagna, Marocco, Tunisia, Finlandia e in Cina.
Ha partecipato a diverse produzioni teatrali come attore e performer e dal 2017 presenta in Italia e all’estero SBADABENG ovvero l’arte di prendersi a schiaffi, spettacolo comico di percussione corporea da lui scritto e interpretato.
Nel 2022 ha partecipato con una performance di body percussion allo show televisivo Game of Talents, condotto da Alessandro Borghese, con Mara Maionchi e Frank Matano.
Nel 2018 fonda assieme a Damon Arabsolgar la band Mombao con cui si è esibito in Italia, Marocco, Slovenia, Croazia, Germania, suonando in alcuni dei più importanti festival e club italiani ed europei. Nel 2021 hanno partecipato al programma X Factor Italia, riscuotendo notevole successo su scala nazionale. Dal 2022 il progetto entra a far parte del gruppo di artisti associati dell’importante centro culturale BASE Milano.
Come performer, comico e musicista nel 2020 ha partecipato alla produzione dello spettacolo Ottantena, prodotto dal Teatro Stabile di Trieste “La Contrada”, con regia di Davide Calabrese (membro degli Oblivion) condividendo il palco assieme all’attrice Ariella Reggio. Nel 2022 in qualità di direttore musicale ha partecipato alla produzione dello spettacolo “LockClown” per il quale ha scritto e curato gli arrangiamenti musicali, con regia di Davide Calabrese, prodotto dal Dramma Italiano di Fiume (Croazia).
Nel 2024 partecipa come performer, percussionista e mimo allo spettacolo “L’Inferiorità Mentale della Donna” a fianco dell’attrice Veronica Pivetti con una tournée in alcuni dei più importanti teatri italiani. Lo spettacolo è stato prodotto da Artisti Associati con la regia di Gra&Mramor.
Come percussionista corporeo si è esibito ad un evento TEDx all’Università di Trento dal titolo “TedxUnitn: The pulse of innovation”. Tiene regolarmente diversi seminari di body percussion in tutta Italia in collaborazione con Daniel Plentz (Selton) e in diverse occasioni in collaborazione con Manuel Frattini.
E’ stato docente di musica e body percussion presso la scuola Adifamily di Monza e all’Atelier Teatro Fisico di Torino. E’ stato inoltre docente di batteria presso la scuola Ottava Nota di Milano.
Nel 2016 è stato docente di batteria e percussioni al Contemporary Music Institute di Zhuhai, Cina.
Ha suonato con musicisti del calibro di Le Luci della Centrale Elettrica, Giovanni Falzone, Enrico Zanisi, Liutauras Janusaitis, Russ Spiegel, Luca Dell’Anna, i Selton, i Virtuosi del Carso (band di Paolo Rossi). Con la Civica jazz Band ha suonato accanto a Paolo Tomelleri e Emilio Soana. Con l’ensemble di percussioni Time Percussion si è esibito a fianco di Marco Vaggi, Tony Arco, Giulio Visibelli.

Body music – abbecedario scenico musicale.
Il corso prevede un avvicinamento alle basi musicali pratiche e teoriche attraverso la body music, ovvero l’insieme delle tecniche vocali e percussive che permettano di fare musica usando soltanto il proprio corpo. La body music è uno strumento didattico e performativo estremamente versatile e potente poiché unisce movimento e suono, danza e musica; attraverso l’apprendimento della percussione corporea è possibile comprendere le fondamenta del “Ritmo” (di imprescindibile importanza in tutte le arti performative, non soltanto nella musica) per assimilarle su un piano ben più profondo e intuitivo di quello razionale, ovvero sul piano corporeo.
Allo stesso tempo, ritmo e suono saranno esplorati attraverso le corde vocali per scoprire l’ampio spettro espressivo della voce, intesa non come mero strumento per il canto o per la prosa ma come un ben più ampio strumento musicale da riscoprire nella sua vasta gamma timbrica e melodica.

MAESTRO

Jonathan Burrows

Jonathan Burrows danced for 13 years with the Royal Ballet in London, during which time he also began performing regularly with experimental choreographer Rosemary Butcher. He has since created an internationally acclaimed body of performance work including ‘The Stop Quartet’ (1996), ‘Weak Dance Strong Questions’ with Jan Ritsema (2001), as well as his long series of collaborations with composer Matteo Fargion including ‘Both Sitting Duet’ (2002), ‘The Quiet Dance’ (2005), ‘Speaking Dance’ (2006), ‘Cheap Lecture’ (2009), ‘The Cow Piece’ (2009), ‘Body Not Fit For Purpose’ (2014) and ‘Rewriting’ (2021). Burrows is a founder visiting member of faculty at P.A.R.T.S Belgium and has for many years been a regular collaborator for Jonzi D’s Back To The Lab hip hop theatre mentoring project at Breakin’ Convention, Sadler’s Wells London. He is the author of ‘A Choreographer’s Handbook’ (Routledge, 2010) and ‘Writing Dance’ (Varamo Press, 2022), and is currently Associate Professor at the Centre for Dance Research, Coventry University.

Rethinking choreography
Jonathan Burrows leads a workshop rethinking what choreography might be and why people like to do it. Burrows’ approach questions the image of choreography as formal structure, focussing instead on the feeling of transition and how sequenced movement is central to the ways in which human beings move through, perceive, remember, anticipate, communicate and imagine the world.

MAESTRO

Alessandro Romanini

Docente di Teoria del Cinema e dei Mezzi di Comunicazione e Fenomenologia dell’Arte Contemporanea all’Accademia di Belle Arti di Carrara. Ha curato numerose mostre di arte contemporanea, tra cui una sezione della mostra “Picasso. Metamorfosi della Forma” (2024), al Mudec di Milano, il Padiglione Nazionale della Côte d’Ivoire alla 59° Biennale di Venezia, 2022 e un progetto speciale per la Biennale di Dakar 2024. Rassegne di videoart, sei edizioni di “Scolpire il Tempo”, la mostra antologica dei video monocanale di Bill Viola (Lucca 2022) ed eventi espositivi cross over come la mostra dedicata a David Lynch, “Lost images” (2014) e altre dedicate a personaggi a cavallo fra cinema e arte come Visconti, Fellini, Cronenberg, Bellocchio. Dal 2013 al 2022 è stato membro e presidente del Comitato Scientifico della Fondazione Ragghianti, attualmente direttore della Sezione Cinema, Arte e Musica del Lucca Film Festival e membro del Comitato Scientifico del Parco della Pace di S.Anna di Stazzema. Scrive regolarmente per varie riviste di arte contemporanea tra cui AW Magazine.

MAESTRO

Danila Blasi

Dal 1993 al 1994 lavora come organizzatrice presso il Teatro Spazio Uno di Manuela Morosini a Roma. Dal 1999 al 2001 lavora all’organizzazione del Festival Volterrateatro diretto da Armando Punzo. Nel 2003 fonda l’associazione 369gradi (che dal 2015 cambia nome in Rosa Shocking) occupandosi al suo interno dei progetti di danza e del festival di danza contemporanea Tendance di Latina, festival sostenuto dal MiC e dalla Regione Lazio, del quale è co-direttrice artistica. Nel 2007 è tra i soci fondatori di CORE (coordinamento della danza contemporanea del Lazio) di cui è anche presidente, fino allo scioglimento dell’associazione. Per CORE è direttrice organizzativa di Attacchi di CORE (progetto finanziato dalla Provincia di Roma) e delle tre edizioni di Officina COREografica (finanziate dalla Regione Lazio e dal MiC). Dal 2007 è direttrice generale di FC@PIN.D’OC, associazione sostenuta per la produzione danza dal MiC e dalla Regione Siciliana. Nel 2018 l’associazione cambia nome in PinDoc e si fonde con l’associazione Excursus. PinDoc produce e promuove diversi artisti tra cui Giovanna Velardi, Ricky Bonavita, Alessandra Cristiani, Paola Bianchi, Fabio Ciccalè, Giuseppe Muscarello, Opera Bianco, Michael incarbone, Ilenia Romano. Dal 2017 è direttrice generale del Festival Conformazioni di Palermo. Dal 2017 al 2019 è membro della Consulta dello Spettacolo dal Vivo presso il MiC. Nel 2012 diventa presidente Aidap, il comparto che riunisce le imprese di produzione danza in Federvivo/Agis. Negli anni della sua presidenza firma il CCNL, che per la prima volta coinvolge direttamente anche le produzioni danza, oltre quelle di prosa. Dal 2019 al 2022 è vicepresidente Aidap e membro dell’Ufficio di Presidenza Federvivo/Agis in qualità di rappresentante del settore danza. Dal 2022 è direttrice generale di Incastro Festival (Castroreale – ME). Nel 2022 è nominata ai Premi UBU per Miglior Organizzazione/Curatela di danza.

Organizzazione – il sistema della danza contemporanea italiana.
Un excursus nei meandri organizzativi e amministrativi del sistema danza in Italia. Un approfondimento sulle particolarità della danza rispetto a prosa e musica: dai rapporti con le istituzioni, con i festival, con i teatri, con le compagnie, con i lavoratori passando per le differenze tra Teatri Nazionali e Centri Coreografici Nazionali, tra Tric e Crid, tra Imprese e Centri di Produzione del teatro e della danza. Uno studio delle peculiarità di produzione della danza contemporanea, anche attraverso l’apporto dei centri di residenza, le coproduzioni e il sostegno dei festival.

MAESTRO

Enrico Morelli

Danzatore e coreografo, nel 1999 consegue il diploma dell’Accademia Nazionale di Danza dove in seguito frequenta il corso di perfezionamento per insegnanti. Ha vinto numerosi concorsi coreografici come il Concorso Michele Abbate di Caltanissetta, il Concorso Città di Perugia, il Festival internazionale di danza di Rieti e il Danza Estate di Firenze. 
Dal 1997 al 2003 lavora come danzatore con la Fondazione Concerti N. Piccinni, la compagnia Arte Balletto di Milena Zullo, il Piccinni Ballet e con Micha Van Hoeke. Nel 2001 riceve in qualità di danzatore, la medaglia d’argento del Presidente della Repubblica. 
Dal 2004 fa parte, come danzatore e coreografo, della MM Contemporary Dance Company. Dal 2003 crea coreografie per l’Astra Roma Ballet, la scuola del Teatro dell’Opera di Roma, la Dominic Walsh Dance Theatre di Huston, il Maggio Musicale fiorentino, la compagnia KAOS di Firenze, Palermo InDanza, la ungherese Szegedi Kortàrs Ballet, il Milwaukee Ballet (USA), per la MM Contemporary Dance Company e per Agora Coaching Project. 
Nel 2018 Morelli vince il premio “Incontro con la danza” istituito da Basilicata ArteDanza.
Nel 2010 fonda e da allora dirige, insieme a Michele Merola, Agora Coaching Project, progetto di perfezionamento professionale per danzatori, con sede a Reggio Emilia.

L’obiettivo del corso, è quello di fornire strumenti tecnici e teorici attraverso il lavoro fisico sul corpo per danzatori e performer che vogliono qualificare la loro attività quali aspiranti coreografi o danzatori con attitudine e interesse alla composizione. Il fulcro sarà l’aspetto creativo del linguaggio coreutico e gli strumenti per la messa in scena di una partitura coreografica che veda al suo interno una varietà di azioni e disegni compositivi volti alla narrazione anche astratta di un tema o partitura musicale.

MAESTRO

Panaibra Gabriel Canda

Panaibra Gabriel Canda, nato a Maputo, Mozambico, è uno dei coreografi africani più influenti che riflette i tumultuosi cambiamenti postcoloniali del paese in modo unico. Ha studiato teatro, danza e musica in Mozambico e in Portogallo. Dal 1993 sviluppa i suoi progetti artistici. Il suo lavoro è stato presentato in tutto il mondo e ha vinto diversi premi. Nel 1998 ha fondato CulturArte – Cultura e Arte em Movimento, forse il primo e unico spazio di produzione per la danza contemporanea in Mozambico. La dedizione di Panaibra come direttore artistico e coreografo risiede nel supporto e nello sviluppo della scena della danza locale e regionale, inclusi creazioni, spettacoli e programmi di formazione. Collabora anche con artisti dell’Africa meridionale e dell’Europa, nonché con artisti di altre discipline. Panaibra lavora da 25 anni come danzatore e coreografo a Maputo e nel resto del mondo. Le sue numerose apparizioni in festival europei, ricordano sempre il fatto che la danza fondata sul’intelletto non deve necessariamente essere noiosa, ma può essere dinamica e umoristica. I celebri Marrabenta Solos di Panaibra ne sono un valido esempio. Loro descrivono lo sviluppo politico del suo paese dall’indipendenza attraverso il linguaggio del corpo, mostrando il corpo comunista, totalitario e democratico, sia nella sua forma pura che in quella avanzata mista. Panaibra è stato distinto dalla prestigiosa rivista tedesca TANZ insieme ad altri 30 artisti internazionali come “Nuova Promessa per il Futuro della Danza”.

“Decolonize Movement”
Panaibra will introduce his continued research on the postcolonial African body, freed from prefabricated body images and out of stereotypes, the contemporary body, living in a new complex global context, motivated by political and social complexity. Where is the place of the body? Where is the place of a live art?
Through choreographic and conceptual exercises participants will explore: What does colonization mean in our modern society? Imagining a body as a territory that can be occupied and colonized, how can an African body colonize a European body? Are there European and African bodies? What is identity? Democratically, is it possible to assume an identity of a body? The workshop proposes the participants to leave their references behind and find references from other life experiences and other possibilities of thinking about the body in space and its relation to history and the world in the political context.

TUTOR

Ilenia Romano

Si laurea con lode presso l’Accademia Nazionale di Danza. Da interprete si confronta con: P. Bausch, J. Godani, W. McGregor, I. Ivo, R. Orlin, Les gens d’Uterpan, M. Van Hoecke, DEOS/G. Di Cicco. È danzatrice e assistente per la CZD, per ALDES/R. Castello e per AB Dance Research. Dal 2015 al 2020 è coreografa associata a Scenario Pubblico/CZD. Dal 2019 è tra i coreografi del progetto Crossing the sea. Nel 2022 è docente di tecnica contemporanea a Da.Re. e ai corsi propedeutici dell’AND. È coreografa in produzioni del Teatro Stabile di Catania (2020/’21) e del Teatro Nazionale di Genova (2022/’23), regie di L. Sicignano. Dal 2023 è artista prodotta da PinDoc.

L’attività di tutoraggio prevede del tempo dedicato alla cura dei processi di creazione coreografica de* partecipanti. Un affiancamento di supporto per la messa a fuoco degli strumenti compositivi messi in atto e delle loro implicazioni estetiche e concettuali. Le lezioni di tecnica mireranno all’incremento dell’organicità e della consapevolezza del movimento di ciascun*, fino a una maggiore musicalità e libertà aldilà della propria comfort zone.

MAESTRO

Nora Guazzotti

Inizia la sua esperienza lavorativa nel 1980 al Piccolo Teatro di Milano seguendo gli allestimenti degli spettacoli con la regia Giorgio Strehler portandoli in tourneè in Italia e nel mondo. Nel 1989 viene chiamata da Dario Fo e Franca Rame come direttore organizzativo e di produzione e per il controllo delle licenze per la messa in scena dei loro testi e la gestione dei loro diritti d’autore. Dal 1996 al 2004 viene chiamata dalla Società Gestioni Teatrali di Milano per fare il Direttore Generale, occupandosi della gestione delle Sale Teatrali gestite dalla Società: Il Teatro Smeraldo, Il Teatro Nazionale e il Teatro Ciak di Milano. Dal 2008 al 2020 è nominata Direttore Organizzativo e di Produzione del FESTIVAL DEI DUE MONDI DI SPOLETO. Dall’anno accademico 20/21 è docente di organizzazione e legislazione teatrale all’Accademia D’Arte Drammatica Silvio D’Amico.

MAESTRO

Alessandra Cristiani

Performer e danzatrice, dal 1996 indaga il pensiero e la pratica dell’Ankoku Butō. Crea e dirige con la compagnia Lios la Rassegna Internazionale di Danza Butō Trasform’azioni (2001-2011). Con il progetto La fisica dell’anima. Francesca Stern Woodman vince il sostegno Scenari Indipendenti 2008. Nel 2015 è in Giappone come prima ospite straniera del centro di ricerca per la danza: Tenshikan, del danzatore Akira Kasai. Lavora come solista e nella compagnia Habillé d’eau, il cui lavoro Euforia riceve il Premio Ubu 2018 come miglior spettacolo di danza. Dello stesso anno la Nomination Premio Ubu 2018 come migliore attrice o performer per lo spettacolo Euforia e la performance Clorofilla.

La proposta di danza: Animale di schiena, introdurrà il Buto Blanc di Masaki Iwana, la Tecnica di Efeso di Akira Kasai, il Movimento non ordinario di Yoko Muronoi. Tre personalità artistiche, che hanno seminato una differente percezione del corpo, evidenziando la possibilità di un nuovo alfabeto performativo.

MAESTRO

Rodolfo Sacchettini

Rodolfo Sacchettini critico e studioso di teatro ha pubblicato Il teatro dentro la Storia. Opere e voci dalle Torre Gemelle alla pandemia (Anthology Digital Publishing, 2023), oltre a quattro libri sulla storia del radiodramma italiano. Ha codiretto il Festival di Santarcangelo (2012-2014) ed è stato presidente dell’Associazione Teatrale Pistoiese (2012-2018). Insegna Letteratura italiana moderna e contemporanea all’Università di Firenze e Musica, media e tecnologia al Conservatorio di Bologna. Collabora con “Snaporaz”, è tra i fondatori di Altre Velocità e codirige la rivista “La Falena”. Ha un rubrica su Rete Toscana Classica da vent’anni e collabora con Radio 3 Rai per la quale ha realizzato due lunghi cicli dedicati al radiodramma e varie puntate della trasmissione Wikiradio.

Il teatro contemporaneo è un’arte viva che mescola differenti linguaggi, dalla letteratura alla musica, dalle arti visive all’arte attoriale, dall’arte del gesto a quella vocale. Per comprendere a fondo uno spettacolo è necessario utilizzare varie metodologie che possono rimandare ai diversi codici espressivi utilizzati, ai contesti socioculturali da cui nascono i lavori, alle implicazioni storiche. Il corso vuole, in modo partecipato e condiviso, affrontare le maggiori problematiche dello spettacolo contemporaneo, in continuo riferimento tra passato e presente. Verranno discussi alcuni spettacoli fondamentali per la comprensione della scena contemporanea e verrà condiviso un metodo di analisi e interpretazione.

Foto di Tiziana Tomasulo

600 ore di lezione + 100 ore di tutoraggio
01
Moduli tematici

Body music, ritmo, arte del ‘900 e dibattito postcoloniale, storia del teatro del ‘900, organizzazione

 100 ore

02
Laboratorio con artisti/creatori

Contemporaneità e tradizione, l’azione come testo, organizzazione del movimento, forma e movimento organizzazione della scrittura

250 ore

03
Tecnica

Con Ilenia Romano, Ernesto Edivaldo, Alessandra Cristiani, Bevilacqua, Enrico Morelli, Erica Bravini, Jonathan Burrows, Panaibra Gabriel Canda, Roberto Castello

178 ore

04
Tutoraggio

Con Erica Bravini, Ilenia Romano

100 ore

05
Preparazione del saggio finale

Con Roberto Castello

72 ore

01

Moduli tematici

Body music, ritmo, arte del ‘900 e dibattito postcoloniale, storia del teatro del ‘900, organizzazione.

100 ore


02

Laboratorio con artisti/creatori

Contemporaneity and tradition, action as text, organization of movement, form and movement, organization of writing.

250 ore


03

Tecnica

Con Ilenia Romano, Ernesto Edivaldo, Alessandra Cristiani, Bevilacqua, Enrico Morelli, Erica Bravini, Jonathan Burrows, Panaibra Gabriel Canda, Roberto Castello.

178 ore


04

Tutoraggio

With Erica Bravini, Ilenia Romano

100 ore


05

Preparazione del saggio finale

Con Roberto Castello

72 ore

Corso di alta formazione
per autori di teatro e danza contemporanei

BANDO DI SELEZIONE

Nell’ambito delle proposte formative ArtistiAssociati- Centro di produzione teatrale propone a Gorizia un corso di perfezionamento dedicato a danzatrici e danzatori con esperienza professionale che intendano formarsi o perfezionare le loro competenze nella creazione di opere di teatro e danza contemporanei.
Il percorso, curato da Roberto Castello, mira alla formazione di autori di teatro e danza eterodossi, aperti al confronto e con una forte sensibilità sociale.
Le lezioni si svolgeranno a Gorizia nei seguenti periodi: dal 20 gennaio al 12 aprile 2025, dal 5 maggio al 17 maggio 2025 ( domeniche escluse).
Il corso è gratuito per gli allievi selezionati. Vitto e alloggio saranno a carico dei partecipanti.

Requisiti di ammissione

Il corso è destinato a massimo 12 partecipanti italiani e stranieri di età compresa tra i 20 e i 30 anni che abbiano concluso un percorso di studi di almeno 2 anni in una accademia di danza e teatro riconosciuta o che abbiano almeno 40 giornate lavorative nel campo del teatro e danza contemporanei.

Modalità di selezione

Le domande di partecipazione alla selezione dovranno pervenire entro e non oltre le 12:00 del 5 settembre 2024 attraverso il form online (a cui accedere dal tasto a fondo pagina) e dovranno essere corredate da:

  • Curriculum vitae dettagliato.
  • Link a due video a camera fissa, senza luci e costumi, di due brevi creazioni realizzate ad hoc (min 1/ max 3 minuti).
  • Link a eventuali creazioni pregresse non co firmate.
  • Un testo sul ruolo e sulla funzione degli artisti nel contesto della società contemporanea (max 2000 battute spazi inclusi).
  • Un testo di argomento libero (max 2000 battute spazi inclusi). Facoltativo.
  • Una playlist di 10 brani musicali.

La commissione artistica valuterà i materiali ricevuti dagli aspiranti allievi in due fasi:

  • la prima consisterà in una preselezione in base a curriculum, video e testi
  • la seconda, riservata a chi avrà superato la preselezione, consisterà in una prova pratica ed un colloquio individuale in presenza che si terrà in provincia di Gorizia.

I risultati della preselezione saranno comunicate ai selezionati mezzo e-mail entro il 18 settembre 2024.
Le audizioni si terranno nella provincia di Gorizia nelle giornate 25-26-27 settembre 2024.
Il presente bando viene pubblicato in data 18 luglio 2024 sul sito ArtistiAssociati alla pagina https://pnrr.artistiassociatigorizia.it/danza

Per informazioni academy@artistiassociatigorizia.it

SCARICA IL BANDO